Una democrazia della cultura contro la democrazia dei partiti